#vorreiprendereiltreno: hashtag lanciato da studente disabile diventa virale

#vorreiprendereiltreno: hashtag lanciato da studente disabile diventa virale

#vorreiprendereiltreno: hashtag diventa virale

#vorreiprendereiltreno, la battaglia di Iacopo- Iacopo Melio è un ragazzo di 22 anni, vive a Firenze ed è costretto su una sedia a rotelle. La storia di quella che si può definire una vera e propria battaglia di civiltà inizia su Twitter il 20 giugno alle 7:55, quando l’ex ministro della pubblica istruzione Maria Chiara Carrozza scrive di essere di ritorno da Roma su un treno magnifico. Iacopo le risponde così: “i treni di noi plebei non sono mai magnifici, soprattutto per noi disabili che di rado troviamo attrezzati” e lancia l’hashtag  #vorreiprendereiltreno, che diventa immediatamente virale.

#vorreiprendereiltreno

La forza dell’ironia- Il 27 giugno Iacopo riporta sul suo blog lo scambio di tweet con l’ex ministro e critica in maniera ironica l’indifferenza della classe politica nei confronti dei problemi dei cittadini comuni, in particolare dei disabili: “cari politici, se non volete sforzarvi di immaginare cosa significhi dover chiamare ogni santa volta una stazione ferroviaria per sapere se, a una cert’ora, il treno sarà attrezzato con una pedana; se non riuscite a comprendere il disagio di aspettare una, due, tre fermate in più sperando che il bus successivo sia finalmente quello agibile… cercate almeno di capire quanto, a lungo andare, sia triste essere single. Sì, avete capito bene. Se io sono single è solo colpa degli autobus!!”

Una battaglia condivisa- Iacopo ha già 10.300 followers e al suo appello hanno risposto in tanti postando su twitter una foto nella quale si legge #vorreiprendereiltreno. Il messaggio lanciato sembra essere arrivato anche nel mondo politico, infatti fra le ultime adesioni, quelle del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, e dell’europarlamentare David Sassoli. Scrive Iacopo: “credo che in un paese civile e democratico sia un dovere abbattere ogni tipo di barriera, non solo architettonica ma anche sociale e culturale”. Risposte più concrete arrivano dall’assessore ai trasporti della Regione Toscana Vincenzo Ceccarelli che ha annunciato che, da settembre, sui nuovi treni regionali sarà presente un nuovo tipo di bagno pienamente accessibile ai disabili, inoltre la Regione Toscana, che non rinnoverà il contratto con Trenitalia, intende garantire l’obbligo per il nuovo gestore di garantire piena accessibilità ai disabili almeno sul 65 % dei treni.

COMMENTI

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar

    […] social di sensibilizzazione sulla prevenzione del tumore al seno. È il caso di dirlo: un hashtag che può salvare la vita. Per aderire alla campagna basta scrivere sul petto la parola prevenzione, […]