Saffi Karina e il Curve Project: un esempio per tutte

Saffi Karina e il Curve Project: un esempio per tutte

Le forme della bellissima modella Saffi Karina non erano giudicate idonee ma, per fortuna, dopo il licenziamento, la ragazza non si è persa d’animo e ha trasformato un evento negativo in qualcosa di assolutamente positivo dando vita alla sua rinascita.

Lo ha detto oggi, ospite del video forum di RepubblicaTv, anche Geppi Cucciari, la prossima conduttrice del Concerto del Primo Maggio, e lo continuano ad affermare migliaia e migliaia di donne. “ La bellezza ed il fascino, grazie a Dio, risiedono altrove rispetto a misure perfette e ad un aspetto gradevole nel senso pseudo oggettivo, spero che il fascino permetta di aprire porte che la bellezza ti chiuderebbe in faccia”. Di tutto ciò ne è la prova una bellissima modella di nome Saffi Karina e la sua storia. In un mondo ossessionato dalla magrezza e da taglie sempre più piccole anche una semplicissima 46 viene ostracizzata. La modella in questione, quindi, è stata stigmatizzata perché semplicemente più burrosa delle altre.

saffi karinaLa vicenda – Le forme della bellissima modella Saffi Karina non erano giudicate idonee ma, per fortuna, dopo il licenziamento, la ragazza non si è persa d’animo e ha trasformato un evento negativo in qualcosa di assolutamente positivo dando vita alla sua rinascita. Karina si è trasformata, ora, in una straordinaria top model taglia 48 riuscendo a raggiungere contratti di grande importanza e a strappare lavori a colleghe troppo pelle ed ossa per rappresentare la femminilità in tutte le sue curve. Debenhams, Speedo, John Lewis e Bravissimo, sono solo alcune delle campagne pubblicitarie che la vedono o l’hanno vista protagonista.

The Curve Project London – Dopo aver viaggiato per tutto il mondo, aver calcato passerelle importanti ed aver portato le sue curve sotto i riflettori di noti fotografi per campagne di grande importanza Saffi Karina ha dato vita a The Curve Project London con l’onorevole scopo di valorizzare, educare e incoraggiare le giovani donne ad accettare il proprio corpo, ma soprattutto per dare un nuovo futuro alla moda. A soli 27 anni, quindi, Karina ha in mano un progetto favoloso che le permette di continuare a fare ciò che vuole e che le da l’opportunità di restituire un sogno a tante altre ragazze grazie anche alle collaborazioni strette con vari make up artist.  Alla fine della fiera, però, 42, 46, 48, sono solo numeri. Quello che ha permesso alla modella di ottenere ciò che voleva è sicuramente stato il suo coraggio e la capacità di non arrendersi anche se, nel mondo in cui viveva, veniva trattata nel peggiore dei modi. Volete essere contagiate da lei e dalla sua forza di volontà? Vi basterà seguirla sui social network, sul suo sito e sul suo canale Youtube.

Alessandra Solmi

COMMENTI

WORDPRESS: 2
  • comment-avatar

    […] Anoressia e bulimia nervosa costituiscono un concreto allarme socio-sanitario. Costituiscono la principale causa di morte per malattia tra le giovani comprese nella fascia d’età 12-25. Ci sarebbe bisogno di una lotta all’anoressia condotta da tutti i Paesi del mondo. Ad oggi, ne sono afflitte 150-200 mila donne. Spesso però, un aiuto medico e il sostegno della famiglia non sono sufficienti. In Israele si è deciso di agire sul piano legislativo. Due agenzie in Brasile hanno lanciato in questi giorni una campagna contro l’anoressia. […]

  • comment-avatar

    […] rivoluzione curvy continua… Perchè la bellezza non ha […]