Pasqua, Pasquetta e ponti di primavera: pic-nic nei luoghi FAI

Pasqua, Pasquetta e ponti di primavera: pic-nic nei luoghi FAI

Il FAI aprirà le porte dei propri Beni per coinvolgere i visitatori con molteplici attività e accattivanti pic-nic

Le vacanze pasquali sono alle porte e, per coloro che potranno permetterselo, dureranno a lungo, dato che il 25 Aprile e il primo Maggio, consentiranno di organizzare altri due ponti primaverili. Il FAI, Fondo Ambiente Italiano, custode di innumerevoli meraviglie, ha deciso di condividere quest’ultime con tutti coloro che decideranno di raggiungere tali mete e festeggiare con un pic-nic.

Pasqua, Pasquetta e ponti di primavera pic-nic nei luoghi FAI

Pic-nic nei luoghi FAI – A Pasqua, Pasquetta, il 25 Aprile ed il primo Maggio, il FAI aprirà le porte dei propri Beni per coinvolgere i visitatori con molteplici attività e accattivanti pic-nic. Dal Nord al Sud, sono molti i luoghi da esplorare, luoghi ricchi di storia e di bellezze naturali, dove vivere momenti spensierati e rilassanti che arricchiranno la mente e l’anima. Per alcuni eventi, il biglietto è gratuito e, quando è a pagamento, gli iscritti al FAI possono usufruire dello sconto. Il pic-nic è ovviamente un pasto tipicamente primaverile ed il FAI, con l’iniziativa “Facciamo festa con un pic-nic?”, intende mettere in secondo piano la sua funzione alimentare, e marcare la sua funzione sociale e ludica, perché quest’ultima consentirà ai visitatori di immergersi nei luoghi FAI e scoprirne ogni singolo dettaglio.

Pic-nic e non solo – I pic-nic organizzati dal FAI per Pasqua, Pasquetta e per i due successivi ponti di primavera, saranno il pretesto per coinvolgere i visitatori in altre attività, che li avvicineranno alla storia e alle bellezze circostanti.  Ad esempio, la Baia di leranto, a Massa Lubrense, si trasformerà in un laboratorio grazie all’eco-creatività di Rachele Russo, invece, il Monastero di Torba a Gornate Olona, ed il Castello di Masino, situato a Caravino, in provincia di Torino, accoglieranno gli appassionati di fiori . Infatti, tra le mura dei due siti si svolgeranno rispettivamente, la seconda edizione della tradizionale festa dei fiori e un’esperienza di pittura en-plein-air per esaltare le fioriture primaverili. Ma questi sono solo tre dei tanti luoghi che il FAI vuole condividere, nelle prossime settimane, con gli appassionati della natura, della cultura, dell’arte e del cibo.

COMMENTI

WORDPRESS: 0