Ottobre è il mese della campagna nazionale per la fibrosi cistica

Ottobre è il mese della campagna nazionale per la fibrosi cistica

Ottobre è il mese della campagna nazionale per la fibrosi cistica promossa dalla fondazione che si occupa della ricerca sulla malattia - la FFC- che dal 1997 dà vita a progetti di raccolta fondi per migliorare la qualitò e la durata della vita dei malati.

Che cos’è la fibrosi cistica – Chiamata anche mucoviscidosi o malattia fibrocistica del pancreas, la fibrosi cistica è una malattia genetica ereditaria mortale causata dalla mutazione del gene CFTR.  Ad oggi si conoscono oltre 1000 mutazioni del gene ma solo per una di queste la ricerca ha trovato il farmaco adatto per sconfiggere la malattia mentre i ricercatori stanno studiando nuove possibili combinazioni per ampliare il numero di mutazioni trattabili.

campana nazionale- fibrosi cistica
A ottobre le iniziative per la raccolta dei fondi per la fibrosi cistica – Ottobre è il mese della campagna nazionale per la fibrosi cistica promossa dalla fondazione che si occupa della ricerca sulla malattia – la FFC-  che dal 1997 dà vita a progetti di raccolta fondi per migliorare la qualità e la durata della vita dei malati. Si tratta dell’ XI campagna nazionale ed ha, come testimonial, proprio Carlo Verdone.  “Non si può vivere solo di incassi. Nella mia vita ho ricevuto tanto dal pubblico  e ho il dovere di dare altrettanto. Vado spesso a trovare i malati a Natale e sono loro che danno un senso al mio lavoro quando riesco a donare un po’ di leggerezza con un mio film”. Sono queste le parole dell’attore pronunciate in occasione della camapgna nazionale per la ricerca sulla fibrosi cistica.
52000 piante di ciclamini saranno vendute e distribuite in tutte le principali piazze italiane per la raccolta dei fondi e sono già 14,5 i milioni di euro stanziati per la ricerca sulla fibrosi cistica fino ad oggi ma cè ancora molto da fare e da lavorare per aiutare i malati e le famiglie che li assistono.
La ricerca ha innalzato le prospettive e la durata media di vita – Inizialmente le prospettive di vita per un malato affetto da fibrosi cistica erano diverse e la durata media della vita era nettamente inferiore a quella di oggi. Se prima un bambino aveva la speranza di finire almeno la scuola elementare oggi, grazie alla ricerca, c’è la speranza di arrivare e, spesso superare, i 40 anni.
C’è ancora molto da fare per aiutare la ricerca a studiare la cura per tutte o quasi le mutazioni del gene responsabili dell’insorgere della fibrosi cistica. Dall’11 al 20 ottobre potrete donare tramite sms al numero 45507 due euro che saranno devoluti e stanziati direttamente alla FFC

COMMENTI

WORDPRESS: 0