Non una di meno: aprire un archivio storico sul femminismo ad Alessandria

Non una di meno: aprire un archivio storico sul femminismo ad Alessandria

'Non una di meno', insieme ad altre associazioni, ha intenzione di dare vita ad un archivio storico e culturale dove verrà rappresentato tutta la storia del femminismo.

Asia Argento: il discorso al Parlamento Europeo in onore delle donne
Simone de Beauvoir: 106 anni dalla nascita della madre del movimento femminista
Selena Gomez: dopo le accuse, la donazione a Time’s Up

‘Non una di meno’, tramite un progetto, ha intenzione di voler raccontare tutta la storia del movimento femminista a partire dalla sua nascita. L’idea comprende di dare il via all’archiviazione di materiale storico nella biblioteca di Alessandria, conosciuta anche come una delle biblioteche più fornite di tutta Italia.

Non una di meno: tramandare la storia del movimento di generazione in generazione

Le idee femministe hanno iniziato a farsi strada all’interno della nostra società, anche se in epoca tarda, adesso è possibile far valere i propri diritti. Donne di tutte le età si stanno ribellando alla misoginia e al maschilismo, grazie a loro si è verificato un risveglio delle coscienze e la donna sta iniziando ad essere riconosciuta come pari dell’uomo. ‘Non una di meno’ ha già rivelato l’idea del nuovo progetto, il voler raccontare l’intera storia del femminismo dagli albori, dando vita ad un archivio storico con sede ad Alessandria. “Siamo già consapevoli di dove trovare il materiale per il nostro archivio!”, spiegano fiduciose le donne che danno il via a questa iniziativa.

Non una di meno: l’assemblea per presentare il progetto

Sabato scorso si è tenuta un’assemblea per poter presentare il progetto di ‘Non una di meno’, dove è stato raccontato a caratteri generali il piano per dare vita al progetto. Si ha intenzione di allestire un luogo dove si potrà condurre le proprie ricerche sul femminismo, un luogo interattivo dove verrà raccontato il modo in cui è stata rappresentata la violenza di genere nel corso degli anni. “C’erano un sacco di persone questo sabato, tra cui anche molte associazioni della città di Alessandria. Abbiamo raccolto tutte le proposte e le idee possibili. Tutto questo ci servirà per dar vita alla Casa delle donne. Ci sono molte donne femministe qui ad Alessandria che hanno raccolto documenti e testimonianze negli anni, il nostro obiettivo è quello di poterli condividere con tutti”, spiega Lucia Tova.

Non una di meno: donne e uomini insieme per l’uguaglianza

Le diverse associazioni che si sono unite all’idea di ‘Non una di meno’ non vengono di certo in secondo piano: Donne insieme Tortona, Meda, Altadimora e Tessere d’identità si sono unite per discutere dell’iniziativa si creare una vera e propria Casa delle donne. Lucia Tove continua: “Probabilmente si uniranno a noi anche altre associazioni. Alla conferenza eravamo sicuramente più di cento ed erano presenti sicuramente anche rappresentati di altre associazioni. Per questo 8 marzo marceremo tutti verso il comune, pronte a chiedere una sede per questo nostro progetto.”. La Casa delle donne sarà un vero e proprio antro dove verrà rappresentata tutta la storia del femminismo, dalla sua nascita ai tempi contemporanei con la ribalta del movimento #MeToo e Time’s Up.

Non una di meno marcia 8 marzo