I migliori consigli per fare le foto a vostro figlio nel primo mese di vita

I migliori consigli per fare le foto a vostro figlio nel primo mese di vita

Amatoriali o come professionisti? Ecco alcuni nostri consigli per fare le foto a vostro figlio nel primo mese di vita

Quando in una casa arriva un bambino esplode letteralmente la gioia, le stanze cambiano aspetto e si respira felicità in ogni angolo. I genitori sono al settimo cielo, così come anche i nonni e i parenti tutti. Gli amici vengono a vedere il nuovo nato e ogni cosa viene osservata e percepita sotto una prospettiva nuova, luminosa e ricca di buoni auspici. Queste prime settimane di vita sono un turbinio di emozioni, dove al centro viene posto il bambino con tutta la sua carica positiva. Un periodo d’oro che è importante fermare nel tempo, scattando fotografie che poi sarà bello rivedere a distanza anche di molti, moltissimi anni. L’ideale sarà cercare un sito di album online per progettare, realizzare e infine stampare un libro di foto di alta qualità da tenere sempre in bella vista nel salotto di casa. Vediamo allora alcuni consigli utili per realizzare le più belle foto del vostro bambino nel suo primo mese di vita.

Come scattare con smartphone e macchine non professionali

Sappiamo bene che i primi giorni e le prime settimane che trascorriamo insieme al nuovo nato sono attimi irripetibili, unici e che mai torneranno indietro. Momenti da vivere al meglio delle proprie possibilità, soprattutto quando si è genitori. Avere la possibilità di tornare velocemente indietro nel tempo, grazie alle fotografie, ecco che allora diventa importantissimo. Gli album online sono fatti per questo in fin dei conti, per traghettarci fino a quell’esatto istante per sempre fermato su carta lucida o opaca.

È possibile scattare qualche bellissima immagine anche semplicemente utilizzando il normale smartphone o magari una macchina fotografica non professionale ma comunque di buona qualità. Ovviamente il tutto deve essere fatto in assoluta sicurezza e il riferimento è in modo particolare alla presenza di un eventuale allestimento scenico da utilizzare quale sfondo ideale. Attenzione a scegliere di sperimentare una posa piuttosto che un’altra: ricordate che solo un professionista potrebbe lanciarsi in una simile impresa, solo perché ha ricevuto un’adeguata formazione. Ma torniamo al fai da te e vediamo come fotografare i bambini nei primi giorni e nelle prime settimane di vita tra le mura di casa.

Shooting al mattino, attenzione ai dettagli e alla luce in stanza

Il momento della giornata davvero perfetto per una sessione fotografica è senza dubbio la mattina e il motivo è presto detto: i piccoli con l’inizio del nuovo giorno sono solitamente più reattivi e hanno voglia di giocare. Chiaramente l’elemento chiave da valutare e saper gestire un minimo è la luce. La scelta del punto esatto in cui dar vita allo shooting dipenderà molto da questo fattore (in genere si opta per un letto oppure per il divano in sala). E’ importante che la seduta sia morbida e accogliente per il corpo del piccolo e, ovviamente, ci si dovrà anche accertare che l’ambiente sia illuminato a dovere. Cercate sempre di mantenere la macchina fotografica o lo smartphone all’altezza del bambino e, se necessario, abbassatevi fino a raggiungere proprio questo livello. Ciò a beneficio della naturalezza dello scatto.

Si potrà optare anche per delle fotografie un po’ diverse, scegliendo di immortalare il piccolo mentre dorme in modo tale da ottenere un surplus di delicatezza. Se però si tratta di scatti di famiglia, la cosa migliore da fare sarà organizzare lo shooting in un momento in cui il bambino è più reattivo (ovviamente no al flash, che può irritarlo). Sarà bello anche focalizzarsi su qualche dolce dettaglio, per esempio piedini, manine, naso e bocca. Salvate le foto su pc o altro supporto mobile, poi procedete alla realizzazione dell’album online in modo tale da ricevere in pochissimo tempo (dopo averne personalizzato l’aspetto) il libro di immagini da sfogliare e tenere sempre vicino.

COMMENTI

WORDPRESS: 0