Maternità e adolescenza: nella mente di una mamma

Maternità e adolescenza: nella mente di una mamma

Maternità e adolescenza: come si relazionano le mamme ai cambiamenti delle proprie figlie?

Maternità e Adolescenza. L’adolescenza si caratterizza come un periodo di profonde crisi e trasformazioni a livello sociale e corporeo. Voglia di indipendenza, voglia di decidere da soli quali sono le proprie regole, voglia di scegliere cosa fare della propria vita. La cerchia delle conoscenze si allarga, il gruppo dei pari diventa fondamentale oggetto di attenzioni e di emulazione. Ma ciò che avviene con maggiore prepotenza in adolescenza è la scoperta del poter vivere la propria sessualità, sotto l’influenza degli ormoni sessuali che si risvegliano con la pubertà. Le attenzioni sessuali date e ricevute diventano, naturalmente, motivo di preoccupazione per i genitori che, molto spesso, riscontrano serie difficoltà nel riuscire a gestire una situazione simile.

maternità e adolescenza 1

Essere madre di una adolescente: maternità e adolescenza. La mamma, tipicamente, è delegata alla cura e all’accudimento dei figli durante l’infanzia e tale ruolo viene naturalmente protratto in adolescenza, specialmente se si tratta di una figlia femmina. Ma le mamme sono preparate ad affrontare il tema della sessualità con le proprie figlie? Molto spesso l’argomento suscita imbarazzi e difficoltà e viene dato per scontato che la ragazza ne parli con le amiche o con qualche insegnate e che, quindi, sappia già come comportarsi. Ovviamente, questa non è una regola, esistono anche molte mamme che, seppur con le difficoltà date dall’imbarazzo di affrontare una simile tematica, si addentrano in discorsi che riguardano la sessualità augurandosi che le proprie figlie compiano le scelte più giuste e consapevoli possibile. Raramente si affronta il discorso relativo alla contraccezione ma si tende a mettere in guardia la figlia adolescente dalle attenzioni maschili.

maternità e adolescenza

Una mamma “ingegnosa”. Indubbiamente esistono numerose strategie attraverso le quali una mamma può cercare di “preservare” la verginità di una figlia, ma colpisce moltissimo il tentativo messo in atto qualche anno fa da una mamma americana. La donna Deborah Lee Towe, ha accettato di avere dei rapporti sessuali con ragazzi di età compresa tra i 15 e i 16 anni (amici della figlia) per cercare di preservare la verginità della figlia adolescente. Inizialmente la donna aveva negato l’accaduto, poi ha ammesso di aver cercato di “consumare” la carica sessuale dei giovani amici della ragazza in vista dell’imminente viaggio di maturità.  L’ingegnosa donna è stata arrestata. Che dire queste mamme le tentano proprio tutte, parlare no? Del resto sono state adolescenti anche loro.

COMMENTI

WORDPRESS: 0