Macron e la parità di genere, 9 ministri su 18 sono donne

Macron e la parità di genere, 9 ministri su 18 sono donne

Parità di genere nel governo francese. Emmanuel Macron ha nominato 11 donne su 22 cariche disponibili.

PARITA’ DI GENERE: APPELLO DELLE DEPUTATE A RENZI
Codice Boldrini, in arrivo l’ordine di servizio sulla parità di genere
Discriminazione salariale di genere: le donne guadagnano meno degli uomini

Scelti i ministri del nuovo governo francese. Garantita la parità di genere con 9 donne su 18 a ricoprire la carica di ministro per questo mandato di Macron.

macron

Macron e la squadra di governo

Dopo l’elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti d’America, tocca a Emmanuel Macron essere al centro delle notizie di politica delle ultime settimane. Il neo presidente della Repubblica francese si è insediato all’Eliseo, succedendo a Francois Hollande, assumento ufficialmente la carica. Negli ultimi giorni, il presidente ha scelto la sua squadra di governo, selezionando i 18 ministri e i 4 segretari che lo affiancheranno in questo percorso alla guida del Paese: 11 uomini e 11 donne. Ad annunciare i nomi è stato il segretario generale Alexis Kolher, rendendo noti i collaboratori del premier Edouard Philippe.

Emmanuel Macron come Justin Trudeau

Al di la delle ideologie politiche e degli schieramenti, Macron può essere considerato un modello, un esempio da seguire, quando parliamo di parità di genere. Le donne ministro della sua squadra sono 9, così come gli uomini. Pari opportunità, dunque, non solo per quanto riguarda la destra e la sinistra, ma anche dal punto di vista delle quote rosa. Scelte interessanti quelle di Macron, in linea con la nuova tendenza iniziata con il presidente del Canada Justin Trudeau, che nel 2015 aveva scelto 15 donne e 15 uomini per la sua squadra di governo.

Le donne della squadra di Macron

Sono nove le ministre del governo di Emmanuel Macron e due le segretarie di Stato. I ministeri vanno a: Sylvie Goulard alla Difesa; Agnes Buzyn a Solidarietà e Salute; Françoise Nyssen alla Cultura; Muriel Pénicaud al Lavoro;  Frédérique Vidal all’Istruzione superiore, Ricerca e Innovazione; Annick Girardin ai Territori d’Oltremare; Laura Flessel allo Sport; Elizabeth Borne ai Trasporti; Marielle de Sarnez agli Affari europei; due le segretarie donne: Marlène Schiappa per la Parità di genere; Sophie Cluzel per le Persone disabili.