Lindsay Lohan: il rehab non è una condanna ma una benedizione

Lindsay Lohan: il rehab non è una condanna ma una benedizione

Lindsay Lohan: il rehab non è una condanna ma una benedizione. Queste la parole della Lohan durante un'intervista al David Letterman Show

Tre mesi in un centro di riabilitazione. “Una benedizione”. Queste le parole che l’attrice Lindsay Lohan ha utilizzato nel corso della sua intervista al David Letterman Show per descrivere la sua nuova esperienza in rehab che avrà inizio il 2 maggio 2013. L’ennesima esperienza in un centro riabilitativo non scaturisce da una scelta personale bensì dalla condanna infertale dal giudice al termine di un processo che la vedeva coinvolta in un incidente automobilistico.

lindsay-lohanLa condannaLo scorso 8 giugno 2012, infatti, oltre a guidare in modo spericolato, l’ex bambina prodigio di Walt Disney, che trovò la celebrità grazie al film Herbie – Il super maggiolino, mentì alla polizia riguardo al suo ruolo in un incidente d’auto affermando di non essere alla guida della Porsche che aveva tamponato un pick-up a Santa Monica, in California. Scegliendo la via del patteggiamento, la Lohan è riuscita a scampare l’ipotesi di trascorrere del tempo in carcere e ha invece ottenuto una pena attenuata: trascorrere 90 giorni in un rehab e 30 giorni di lavoro a favore di una comunità.

 

Domande scomode – Nel corso dell’intervista nella nota trasmissione statunitense l’attrice ha sottolineato come questa pena sia in realtà un modo per dedicarsi a se stessa, a ciò che più ama e pertanto  la considera un’esperienza tutt’altro che negativa. Ma il conduttore, David Letterman, non si è accontentato di questa risposta pacata e ha incalzato una serie di domande piccante che hanno innervosito non poco Lindsay. Oltre a sottolineare come questa fosse la quinta o la sesta volta che la ragazza si ritrovava a dover entrare in un centro di riabilitazione, l’anchorman della televisione statunitense ha chiesto come mai questa volta doveva essere diversa, su cosa avrebbe lavorato, cosa riabilitano davvero in questi centri. Quesiti che Lindsay non si aspettava di dover udire tanto che alla fine ha concluso con un semplice “Queste domande non erano previste”, chiudendo il discorso e glissando così sui suoi passati problemi con l’alcol.

Cristina Mania

COMMENTI

WORDPRESS: 0