Playful Inter Action:Maxxi tra arte e esperienza sensoriale

Playful Inter Action:Maxxi tra arte e esperienza sensoriale

Playful Inter Action è l'istallazione del Maxxi che coinvolge tutti i vostri sensi alla scoperta dell'aspetto più giocoso dell'arte con forme, colori, suoni e luci...

Nuovo appuntamento con l’arte interattiva – Playful Inter Action è il terzo e ultimo appuntamento della collaborazione tra Alcantara e Fondazione Maxxi, dopo Can you imagine? e Shape your life!, e per la sua chiusura intende sorprendere tutti gli spettatori. Fino al 16 febbraio è possibile infatti visitare le due gioiose istallazioni musicali proposte: Pendulum e Shiver. La mostra a cura di Giulio Cappellini e Domitilla Dardi si propone ”partendo dalla sua indiscussa caratteristica, la tattilità, l’idea è creare una serie di associazioni tatto-visive, tatto-uditive, tatto-olfattive, che invitino a sfiorare Alcantara, a guardarla, e perfino ad ascoltarla o annusarla.” Insomma il Maxxi ancora una volta tenta di coinvolgere e divertire il suo pubblico promuovendo  l’aspetto più ludico dell’arte contemporanea con questo ‘‘concerto sensoriale diretto da due gruppi creativi, Fabrica e lo studio Minale-Maeda, scelti nel campo dell’interaction design” per far vivere una vera e propria esperienza sensoriale.

 play-01

Alcantara, più di un semplice materiale – L’ Alcantara viene rappresentato in tutte le sue qualità, un materiale prezioso per il suo dato tattile, che qui diventa interattivo e fisico. Vengono coinvolti tutti i sensi attraverso un uso coordinato di colori, forme, luci e suoni atti a stimolare le diverse dimensioni sensoriali in una sala dove regna la creatività sinestetica. ”Il percorso che accompagna il visitatore alla scoperta di Playful Inter-Action svela inedite contaminazioni percettive, un vero concerto sensoriale che indaga a fondo la forza espressiva di Alcantara, le sue possibilità di applicazione, cromie e texture.

 play-02

Coinvolgere gli spettatori per giungere all’essenza artistica – Queste istallazioni sembrano pensate per incuriosire e coinvolgere lo spettatore adulto, ma come spesso accade al Maxxi, l’ambiente presentato appare tanto giocoso e colorato da apparire quasi preposto a un avvicinamento dei bambini all’arte. Qui l’arte non si guarda solo, ma si tocca, si annusa, si gira e scopre, si interagisce con essa e solo attraverso questa interazione avviene la comprensione della sua essenza. In Pendulum il visitatore è  invitato a far oscillare le grandi e morbide palle cromatiche in sospensione, le  quali attraverso il movimento e l’urto con le altre producono suoni e luci. In Shiver si vuole stimolare invece la memoria olfattiva e la percezione tattile del materiale. Lo spettatore diventa così produttore di moto, agente attivo del processo  artistico e l’ Alcantara, da semplice materiale immoto interagisce con la nostra emotività.

COMMENTI

WORDPRESS: 0