Grace di Monaco apre il 67esimo Festival di Cannes tra fischi e polemiche

Grace di Monaco apre il 67esimo Festival di Cannes tra fischi e polemiche

Ecco spiegati i motivi dei fischi al festival di Cannes per il film Grace di Monaco

Festival di Cannes, fischiato il film Grace di Monaco – L’attesissimo film Grace di Monaco, la cui uscita è stata più volte posticipata, ha fatto parlare di sè e continua a far discutere. Ad osteggiarne dapprima la realizzazione e poi l’uscita la stessa famiglia Grimaldi che ha accusato produttori, sceneggiatore e regista di aver dipinto in toni irrealistici e quanto meno fittizi la famiglia e la stessa Grace Kelly. Gli eredi di Ranieri III hanno più volte invitato i realizzatori a modificare la sceneggiatura, modifiche che secondo il regista Olivier Dahan e lo sceneggiatore Arash Amel avrebbero stravolto l’intera impalcatura del film.

grace-di-monaco-film

Festival di Cannes: Grace di Monaco, il no dei Gramaldi – I Grimaldi si difendono sostenendo che le fonti storiche e letterarie usate dagli autori siano di dubbio valore e che non rispettino in modo verosimile quella pagina di storia del Principato. La famiglia ha inoltre dichiarato di non voler “in alcun modo essere associata a questo film che non riflette minimamente la realtà e si rammarica che la sua storia sia oggetto di una distorsione dei fatti per fini puramente commerciali” motivo questo che ha portato i Grimaldi a non essere presenti durante la cerimonia d’apertura del 67esimo Festival di Cannes.

Grace di Monaco, le polemiche – Olivier Dahan inoltre ha dovuto difendere la sua pellicola dai tagli richiesti, per la distribuzione negli Usa, dal distributore americano Harvey Weinstein. A schierarsi in suo favore, in seguito al comunicato di casa Grimaldi, il direttore del Festival di Cannes, Thierry che ha rivendicato per Dahan “l’espressione del diritto di ogni artista alla licenza poetica” aggiungendo inoltre che  “Il film non è un biopic nel senso stretto del termine, dalla vita alla morte” poichè limitato ad un frangente della vita della Kelly ,il 1962, e che “contribuirà certamente in modo positivo alla leggenda del Principato di Monaco”. Le polemiche non si sono arrestate infatti il regista, in seguito all’ultimo comunicato della famiglia, ha replicato “Quando ho letto nel loro comunicato che tutto ciò che c’è nel mio film è fatto solo per fini commerciali, mi sono sentito insultato, […], Non ho mai preteso di realizzare un biopic. Non ci sono scoop nel mio film, dunque perché farne un dramma? […] Io sono un artista, non uno storico, e mi sono interessato alla figura di Grace che in qualche modo ha inventato la principessa moderna”.

Grace-di-Monaco-nicole-kidman

Grace di Monaco, la protagonista Nicole Kidman – Entusiasta del film la protagonista Nicole Kidman che ha definito la pellicola rispettosa e meravigliosa ed emozionante la rappresentazione della figura di Grace data dallo sceneggiatore. Unico rammarico anche per lei la reazione della famiglia che ha vissuto la produzione di questo film come un’intromissione nella vita privata dei genitori. La Kidman si è mostrata però aperta al giudizio negativo dei familiari mostrando comprensione verso di loro e dichiarando di avere il più profondo rispetto per loro e Grace e che il film non ha alcun intento diffamatorio nonostante dia un’immagine della Kelly e dei fatti avvenuti in quel periodo poco realistica.

Grace di Monaco, la reazione della stampa – A deludere anche la reazione della stampa che ha accolto la pellicola con estrema freddezza e fischi. I principali quotidiani europei hanno infatti bocciato in modo corale Grace di Monaco: il britannico Guardian ha titolato infatti “Cannes apre con un film biografico reale peggiore di Diana- La storia segreta di Lady D. film questo che era stato catalogato come una “catastrofe mozzafiato” dallo stesso quotidiano; la rivista cinematografica francese Premiere invece ha titolato “Grace di Monaco, un cattivo remake mediterraneo de “Il discorso del re”.  Fuori dal coro il quotidiano The Indipendent più mite nei toni su cui è comparsa una critica vagamente favorevole “La sfida contraddittoria che i realizzatori si sono posti è mostrare la realtà prosaica della vita di Grace senza distruggere la sua mistica. Grazie alla straordinaria ricchezza dei costumi e alla prestazione febbrile della Kidman, quasi raggiungono il loro scopo”. 

Da oggi nelle sale italiane Grace di Monaco saprà conquistare l’affetto del pubblico al botteghino? Non ci resta che attendere.

COMMENTI

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar

    […] GRACE DI MONACO. La biografia di Grace Kelly dalla carriera alla vita accanto al principe Ranieri di Monaco. Il racconto inizia nel 1962, dopo il matrimonio con Ranieri e la nascita dei due figli, Grace Kelly vuole tornare sotto le luci della ribalta. Sospesa tra il ruolo di madre, moglie, principessa ed attrice vive una profonda crisi personale in una Monaco schiacciata dalle politiche di De Gaulle. […]