FIFA 16 include anche le donne (VIDEO)

FIFA 16 include anche le donne (VIDEO)

Il videogioco FIFA 16 include anche le donne, guarda il video.

Videogame apre al calcio femminile – Prima la prima volta dopo anni, il celebre videogame FIFA 16 lascia partecipare anche le nazionali femminili, che sono dodici in tutto: Australia, Brasile, Canada, Cina, Inghilterra, Francia, Germania, Italia, Messico, Spagna, Svezia e Stati Uniti. FIFA 16 uscirà in Italia il 24 settembre 2015. Inoltre, alcune delle dodici squadre incluse nel videogame, parteciperanno realmente ai Mondiali di calcio femminile in Canada previsti dal 6 giugno al 5 luglio 2015. FIFA 16, prodotto da Electronic Arts, ha deciso che le nazionali femminili potranno sfidarsi in amichevoli, amichevoli online e tornei offline. Il gioco sarà disponibile per Pc, Playstation 3 e 4, Xbox 360 e Xbox One.

FIFA 16

In the Game – Come si può osservare già nel trailer del videogame, il cui slogan è “In the game”, Electronic Arts ha scelto la tecnologia Motion Capture, per la quale 5 giocatrici reali della nazionale degli Stati Uniti hanno prestato i loro volti, la loro fisicità ma soprattutto la loro tecnica; le ragazze della nazionale Usa sono: Sydney Leroux, Abby Wambach, Alex Morgan e Megan Rapinoe. David Rutter, capo della serie FIFA, ha dichiarato che il progetto di includere le squadre femminili nei videogame era in cantiere da molto tempo ma purtroppo impraticabile dal punto di vista tecnico. Con l’avvento della nuova tecnologia, i movimenti delle ragazze, attraverso il nuovo meccanismo di animazione, non potranno essere confusi con quelli dei calciatori uomini e ogni giocatrice avrà un proprio caratteristico movimento.

Le sportive italiane non sono professioniste – Il trailer diffuso da FIFA 16 ha scelto una colonna sonora che, accostata alle immagini, fa capire che ci si possa appassionare al calcio, a prescindere da chi lo giochi. Le ragazze che giocano sono forti, professionali, appassionate, esattamente come nella realtà. Questa conquista è importantissima per il mondo del calcio, e dello sport in generale, soprattutto dopo le dichiarazioni sessiste del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Felice Belloli, il quale, sulle ragazze che giocano a pallone aveva dichiarato: “Basta non si può sempre parlare di dare soldi a queste quattro lesbiche”. Sebbene Belolli si rifiuti di dimettersi, è stato sfiduciato all’unanimità dal Consiglio, anche grazie alle proteste delle giocatrici stesse. Infine speriamo in un cambiamento positivo che inizi col togliere alle donne sportive italiane la nomina di sole “dilettanti” e affidare loro quella di professioniste: le atlete italiane che fanno dello sport il loro lavoro non sono tutelate perché, oggi, nessuna federazione permette loro di accedere all’attività professionistica. Questa discriminazione si manifesta con diversi aspetti, ad esempio le sportive in media guadagnano il 30% dei loro equivalenti maschi. “Essere professioniste permette di accedere alle garanzie previdenziali, sanitarie, contrattuali previste per i lavoratori del settore. Compreso il tfr a fine contratto. Per le donne non è così e in più ci troviamo di fronte al paradosso che a causa delle decisioni di Coni e Federazioni, non possiamo usufruire di una legge dello Stato: è incostituzionale”, ha dichiarato Luisa Rizzitelli, ex pallavolista e presidente dell’associazione delle atlete italiane Assist.

GUARDA IL VIDEO DI FIFA 16

COMMENTI

WORDPRESS: 2
  • comment-avatar

    […] Maggio 2015– Videogame apre al calcio femminile:  Per la prima volta, il celebre videogame FIFA 16 lascia partecipare anche le nazionali […]

  • comment-avatar

    […] Maggio 2015– Videogame apre al calcio femminile:  Per la prima volta, il celebre videogame FIFA 16 lascia partecipare anche le nazionali […]