Expo 2015, è giusto spostare le opere?

Expo 2015, è giusto spostare le opere?

Spostare le opere d'arte per l'Expo 2015 è legittimo? Dopo la richiesta di Sgarbi di trasferire i Bronzi, si parla anche del trasporto della Venere di Botticelli e de 'Sette Opere della Misericordia' di Caravaggio.

L’Expo 2015 di Milano – I preparativi per l’Expo 2015 proseguono. L’evento si terrà dal 1 maggio al 31 ottobre a Milano e gli occhi sono già puntati sull’organizzazione e su mostre, esposizioni e workshop in programma. Le aspettative sono alte e non solo il capoluogo lombardo potrebbe giovare della buona riuscita della rassegna. Il tema di Expo 2015 sarà ‘Nutrire il pianeta, energia per la vita’, verranno affrontate le tematiche legate all’alimentazione: OGM, carenza di cibo nel mondo, educazione alimentare, con l’obiettivo di trovare, con il confronto tra esperti, soluzioni utili alla risoluzione dei principali problemi.

bronzi expo

Sgarbi e i Bronzi all’Expo 2015 – Per la rassegna del 2015 sono previste a Milano 20 milioni di visitatori, i quali potranno beneficiare anche del patrimonio artistico-culturale che la città ha da offrire. Il 20 agosto scorso, il Presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni, e il noto critico d’arte Vittorio Sgarbi, hanno invitato una lettera al Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, chiedendo l’esposizione dei ‘Bronzi di Riace‘ a Milano, per tutta la durata dell’Expo. La questione ha generato un mare di polemiche sulla legittimità della richiesta. Essendo l’Expo, un’occasione di rilancio nazionale, è giusto spostare le opere d’arte dalla loro sede fissa?

Il caso della Venere di Botticelli – Si vociferava anche di una seconda richiesta avanzata al Ministro Franceschini, riguardante il trasporto dell’opera ‘L’ortolano’ dell’Arcimboldo. Al rifiuto del sindaco di Cremona, Sgarbi avrebbe prontamente risposto: “Ma quale Arcimboldo, io sto lavorando per portare all’Expo dagli Uffizi di Firenze la ‘Venere’ di Botticelli, oltre che i Bronzi di Riace”. La proposta vedrebbe il trasporto de ‘Nascita di Venere’ alla Reggia di Venaria, in cambio, agli Uffizi andrebbe una cifra compresa tra i 600mila e gli 800mila euro. Franceschini non chiude tutte le porte e afferma: “Se ci saranno richieste formali, solo queste verranno esaminate, per quanto di nostra competenza, e con tutto il rigore scientifico e la ragionevolezza necessari. Il resto è solo dibattito estivo”.

Renzi dice no – Mentre continuano le discussioni, Renzi in un’intervista ha bocciato l’idea del trasferimento dei Bronzi dichiarando: “Io sono sempre stato un entusiasta sullo spostamento delle opere d’arte, ma credo che in questo caso portare i Bronzi di Riace a Milano non abbia alcun senso, bisognerebbe piuttosto “portare i visitatori dell’Expo da Milano a Reggio Calabria, perché c’è bisogno di valorizzare la Calabria”.

Spostare il Caravaggio? – L’ultima opera coinvolta nel toto trasporto sarebbe ‘Sette Opere della Misericordia’ del Caravaggio. Lo storico dell’arte e dell’architettura, Cesare De Seta, interpellato sull’argomento ha dichiarato: “La mia opinione su questi temi è chiara da anni. Opere come i bronzi calabresi e come le ‘Sette opere della misericordia’ sono di tale inequivocabile delicatezza da dover restare per forza nei loro luoghi. È un’opera di enormi dimensioni, dovrebbe subire smontaggio e arrotolamento della tela. In teoria si può fare, impiegando molti soldi e molta cautela, ma è pur sempre un grave rischio”.

COMMENTI

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar

    […] for Expo” (WE) è il progetto al quale sono stati dedicati 220 metri quadrati presso l’Expo Milano 2015 che invita le donne di tutto il mondo a condividere il nutrimento secondo la “cultura […]