Eleonora Carisi, intervista alla protagonista di The Influencer #lifeonweb

Eleonora Carisi, intervista alla protagonista di The Influencer #lifeonweb

Abbiamo intervistato Eleonora Carisi, tra le protagoniste della trasmissione di Real Time 'The Influencer #lifeonweb'.

Grey’s Anatomy 12×07, anticipazioni: nuovi arrivi
Stasera in tv, in programma sabato 11 ottobre
Anticipazioni Centovetrine mercoledì 4 giugno: Damiano e Cecilia, scoppia la passione

Eleeonora Carisi è una delle protagoniste di The Influencer #lifeonweb, la trasmissione di Real Time in partenza sabato 6 maggio. Imprenditrice e blogger di successo, Eleonora, dopo gli studi in marketing e comunicazione, si lancia nel mondo della moda. Il suo blog, #joujouvilleroy, è nella lista dei 50 più seguiti al mondo, ed è qui che condivide consigli di lifestyle con i lettori, la sua passione per la moda e per la fotografia. Tra le influencer italiane più famose e seguite sui social, Eleonora Carisi è inarrestabile: compare al cinema, crea capsule collection, ma il suo vero interesse è il mondo della comunicazione. Female World l’ha intervistata per voi.

eleonora carisi

Dagli inizi a oggi

Com’è cambiata la IT Girl degli inizi in Grazia fino a oggi?
La mia vita è decisamente cambiata, non in meglio o peggio, ma semplicemente mi ha portato a vedere il mondo in modo differente. Ho chiuso il mio negozio di abbigliamento a Torino dopo 11 anni, mi sono trasferita a Milano, lavoro moltissimo su progetti che ho la fortuna di scegliere, ho fatto una comparsa in un film hollywoodiano come Zoolander e ho aperto la mia agenzia di comunicazione Grumble Creative“.

eleonora carisi

Quello dell’influencer è un ruolo, o un mestiere, controverso: estremamente criticato, ma ammirato, anche da chi lo nega. Mi aiuta lei a definirlo?
L’influencer non è un mestiere. Le spiego meglio. Tutti possono essere influencer, i nostri campioni olimpici italiani sono degli influencer, perché influenzano il mercato, perché la gente li segue e vede in loro dei valori che possono influenzarli positivamente. I musicisti sono degli influencer, attraverso la loro musica e il loro stile di vita a volte anche controverso. Per me e altre persone questa “influenza” è diventata un lavoro, abbiamo trasformato la comunicazione come strumento remunerativo per realizzare i nostri sogni. I musicisti lo fanno con la vendita delle loro canzoni, noi con i post su Instagram. Siamo l’ evoluzione di quelli che erano i testimonial in Italia come gli attori e le attrici. Oggi il consumatore vuole rivedersi in persone “normali” che possono incontrare su un tram o in metro“. 

the influencer #lifeonweb

The Influencer #lifeonweb

Lo scorso anno, in un’intervista in occasione del suo matrimonio, parlava della conduzione di un programma televisivo tagliato sui suoi interessi, senza aggiungere molti dettagli. Si riferiva a The Influencer #lifeonweb?
Si mi riferivo proprio a quello. Sono tre anni che siamo su questa idea“. 

Cosa pensa di questo programma? Ha delle aspettative? Com’è nata l’idea?
L’ idea è nata dal mio socio Paolo Stella che brilla per lungimiranza. Dopo tre anni siamo riusciti a concretizzare un programma che a mio avviso è solo uno spin off per qualcosa di più grande o per successive stagioni dove la gente possa davvero seguirci. Per noi non è stato facile, perciò confido nel dare il meglio sempre più anche nella prossima stagione forse… le mie aspettative sono quelle di affermarmi e di far aprire gli occhi su pregiudizi che oggi sono davvero démodé“.

the influencer #lifeonweb

Com’è cambiato il rapporto con Candela Pelizza e Paolo Stella, colleghi di questa esperienza, dopo il programma?
Li amo e li odio come prima. Ci conosciamo davvero da tanti anni. Ho vissuto con Candela Pelizza a casa sua e Paolo Stella è mio socio. Per un motivo o per l’ altro siamo qui insieme sempre“. 

Che relazione ha con i suoi follower?
Ottima. Io li amo e loro mi amano. Ma sa perché? Perché li seguo, li guardo, li ascolto, gli rispondo. Sempre“. 

Che ne pensa degli hater sul web? Quanto è, o si sente, odiata?
Non mi sono mai sentita odiata. Mi sono sempre sentita invidiata, invidiata perché sono una donna che si è fatta spazio partendo da una piccola realtà dove tutti già mi giudicavano perché avevo idee strane per loro, perché a 20 anni ho aperto un negozio anticonvenzionale, perché nella mia foto di myspace indossavo una parrucca rosa. Ma non c’è nulla da invidiare, c’è solo da rimboccarsi le maniche come ho fatto io“. 

eleonora carisi

Altri progetti e passioni di Eleonora Carisi

In passato ha dichiarato che quella per la moda è ‘solo’ una delle sue passioni, mentre la comunicazione è un interesse. Se dovesse trovarsi a scegliere, un giorno, tra la sua agenzia di comunicazione e il suo blog, per quale opterebbe?
Per la mia agenzia ovviamente. I blog non sono più seguiti purtroppo, la gente non trova più il tempo per leggere. Instagram mi basta per condividere il mio mondo, ma fare la creative director è ciò che mi piace“. 

eleonora carisi

Progetti futuri di Eleonora Carisi? Banalmente, qual è il suo sogno nel cassetto?
Sogni non saprei. non ci penso da un pò. Ma ho partecipato ad una piccola fiction che esce presto e chissà, provare a vedere se me la cavo“. 

Chi è il suo modello di donna? A chi si ispira?
Nessuno in particolare. Mi piace guardarmi intorno, conoscere donne e prendere il meglio“. 

Colore, film, libro, artista preferiti?
Colore: beige. Il film: “The Lobster”. Per quanto riguarda il libro: “Fango” di Ammaniti, e l’artista Henri Rousseau“.

the influencer #lifeonweb

Female World ringrazia Eleonora Carisi per la disponibilità e le augura in bocca al lupo per The Influencer #lifeonweb e per i suoi progetti futuri.