Cècile Kyenge offesa da consigliera leghista su Fb: “Nessuno stupra la Kyenge?”. 
Il ministro: “Chiunque deve sentirsi offeso”

Cècile Kyenge offesa da consigliera leghista su Fb: “Nessuno stupra la Kyenge?”. 
Il ministro: “Chiunque deve sentirsi offeso”

Dolores Valandro, la consigliera leghista del Nord Arcella, quartiere di Padova in cui la popolazione conta un numero sempre crescente di immigrati, è stata espulsa dal partito del Carroccio per aver scritto sul suo profilo Facebook delle frasi offensive alla volta del ministro per l’Integrazione Cècile Kyenge.

Dolores Valandro, la consigliera leghista del Nord Arcella, quartiere di Padova in cui la popolazione conta un numero sempre crescente di immigrati, è stata espulsa dal partito del Carroccio per aver scritto sul suo profilo Facebook delle frasi offensive alla volta del ministro per l’Integrazione Cècile Kyenge.

Valandro-Kyenge-630x354

Il post della consigliera leghista su Facebook – A riferire l’espulsione di Dolores Valandro dal partito è stato Flavio Tosi, segretario veneto e vice segretario federale della Lega Nord che ha commentato il fatto come ‘inqualificabile’. La Valandro aveva pubblicato sulla sua pagina Facebook la foto del ministro Kyenge, collegandola ad una notizia di cronaca locale che descriveva la violenza di un uomo di origine africana su una donna italiana, mentre sopra campeggiava la scritta, tutta in maiuscolo: “Ma mai nessuno che la stupri, così tanto per capire cosa può provare la vittima di questo efferato reato??????? Vergogna!”. 

Le scuse della Valandro – Il post ha suscitato subito l’ira e l’indignazione degli internauti che hanno espresso il loro sdegno commentando negativamente la frase della Valandro. La consigliera leghista, nel giro di pochissimo tempo, ha cancellato il commento lasciato sulla bacheca della sua pagina Facebook, liquidando tutta la questione adducendo scuse alquanto ‘semplicistiche’ : “E’ stata una battuta in un momento di rabbia, le chiedo scusa. Non sono un tipo violento. Abbaio, ma non mordo, sotto sotto sono buona come il pane“.

Solidarietà al ministro Kyenge – Massimo Bitonci, capogruppo della Lega Nord al Senato e segretario della sezione di Padova dove è iscritta Dolores Valandro, è corso subito ai ripari dissociandosi su tutta la linea dalle frasi postate su Facebook dalla consigliera di quartiere di Padova. Il ministro dell’Integrazione, parte lesa di tutta la situazione, con grande diplomazia non ha voluto infierire: “Non rispondo a questo linguaggio violento perché ognuno di noi dovrebbe sentirsi offeso”. Un duro commento a quanto accaduto è arrivato anche dal premier Letta che ha dimostrato tutta la sua solidarietà al ministro Kyenge: “Cecile Kyenge ha ragione, ognuno di noi dovrebbe sentirsi offeso, e anch’io mi sento offeso”. Ed ha poi aggiunto: “Si tratta di parole che non meritano altro commento che il profondo sdegno. Merita invece Cecile tutta la solidarietà mia personale, del governo e del Paese”.

COMMENTI

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar

    […] ha dimostrato un particolare scontento nei confronti della Kyenge. Proprio la settimana scorsa, la dichiarazione di un consigliere leghista di Padova, Dolores Valandro, che “invitava” il ministro a “provare” uno stupro, ne ha causato l’espulsione dal […]