Adrianne Haslet: dopo Boston continuerà a ballare anche senza un piede

Adrianne Haslet: dopo Boston continuerà a ballare anche senza un piede

Il coraggio di una giovane donna che non lascia abbattersi dagli eventi

Un messaggio di speranza per tutte. Un esempio di coraggio e testardaggine, di quella testardaggine che non permette di abbattersi anche se, per cause esterne, si deve ripensare la propria esistenza. Adrianne Haslet, una giovane donna di soli 32 anni, che durante l’attentato a Boston ha perso un piede, ha annunciato a tutti la sua volontà di continuare a ballare. La ragazza, seduta su di un letto al Centro di Riabilitazione di Boston ha rilasciato diverse dichiarazioni a mezzo stampa per ribadire la sua volontà. “ Quando ballo non sento il bisogno di fare nient’altro, sono completamente felice” ha, infatti, detto al Boston Globe, mentre secondo il Daily Mail, sarà presto ospite del programma Dancing with the stars proprio per ribadire la sua promessa continuando a rimanere nell’ambiente.

Boston Marathon Victim VowsAttentato maratona Boston. Fino a qualche tempo fa, però, la forza di volontà di questa ragazza non avrebbe destato così tanto interesse, invece, ora, dopo l’attentato alla maratona di Boston, dopo quelle bombe esplose, bombe che hanno gettato nel panico l’America e che hanno lasciato il resto del mondo con il fiato sospeso, la storia di Adrianne fa il giro del mondo perché la ragazza, vittima dell’attentato, si è vista amputare il piede della gamba sinistra e si è trovata, da un momento all’altro, ad osservare da esterna la sua carriera ed i suoi sogni andare in fumo. Insomma per colpa di altri, Adrianne poteva perdere tutto, ma soprattutto poteva perdere la gioia di vivere ed invece ha reagito nel migliore dei modi dimostrando una volontà ed una forza d’animo degne di essere prese come esempio soprattutto da chi tenderebbe, al contrario, a lasciarsi andare e a deprimersi. Lei, che era in mezzo alla folla, insieme al marito Adam Davis, e che aveva preso parte alla manifestazione per passare una giornata insieme al suo amore facendo qualcosa di diverso, ha dovuto passare una settimana sperando che il piede potesse riprendersi, una settimana in cui ha visto i medici tentare qualsiasi cosa, ma che è poi finita con il concretizzarsi della paura più grossa e l’annuncio dell’amputazione.

Le promesse. I terroristi non possono, non devono vincere e così Adrianne ha lanciato la sfida. Mentre i suoi amici e colleghi raccolgono fondi affinché possa sostenere le spese per la riabilitazione e per la sistemazione della casa in cui abita, affinché, cioè, possa apportarle quelle migliorie che le permetteranno di essere autonoma e di continuare a vivere appieno il suo quotidiano,  la giovane insegnante di danza ha, non solo, promesso, di tornare presto a danzare, ma anche di correre la prossima maratona di Boston.

Alessandra Solmi

COMMENTI

WORDPRESS: 0