I 10 alimenti cancerogeni da evitare

I 10 alimenti cancerogeni da evitare

Quali sono gli alimenti cancerogeni da evitare?

I 10 alimenti cancerogeni da evitare- Ogni giorno in Italia si scoprono 1.000 nuovi casi di cancro. Quasi il 70% dei tumori, però, potrebbe essere prevenuto o diagnosticato in tempo. La lotta che tutti noi dobbiamo fare per scongiurare la comparsa di questa malattia è la prevenzione e l’alimentazione è un aspetto molto importante per evitare la comparsa di diverse forme di tumore come il cancro al colon, quello della bocca o il tumore alla mammella. Ecco quindi la top ten degli alimenti cancerogeni, secondo gli studi specifici in materia, di cui sarebbe meglio evitare, o comunque limitare, il consumo.

alimenti-cancerogeni

1. Grassi idrogenati- Numerose ricerche hanno dimostrato che i grassi idrogenati, oltre a ad aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, rientrano anche negli alimenti cancerogeni. Questo perché interferiscono con la risposta immunitaria, che viene diminuita predisponendo l’organismo al rischio di contrarre più facilmente malattie poiché si modifica la permeabilità della membrana che diventa così facilmente attraversabile da agenti patogeni. I grassi idrogenati si trovano soprattutto nei prodotti da forno industriali, come merendine o biscotti, nella margarina, negli alimenti da fast food, e possono trovarsi anche in gelato e cioccolato.

2. Carne rossa- Diversi studi hanno dimostrato che il consumo di carne rossa sia uno dei responsabili del cancro al colon. Per prevenirlo quindi sarebbe meglio non mangiarne più di 300 gr a settimana. Dannosi sono soprattutto i prodotti derivati dalla carne come salsicce, wurstel, mortadelle, che spesso contengono sostanze chimiche che possono essere dannose per la salute, come nitrati e nitriti di sodio, impiegati per mantenere il colore rosso della carne, favorire lo sviluppo dell’aroma e svolgere un’azione antimicrobica e antisettica. I nitrati di sodio hanno mostrato di reagire con l’acido gastrico e altre sostanze presenti nello stomaco per produrre nitrosamine, che sono state collegate allo sviluppo delle cellule tumorali. 

3. Bevande gassate- Le bevande gassate e zuccherate sono cariche di zuccheri, acidi e sostanze chimiche. Ancora peggio sono le bevande light senza zucchero, in quanto, nella maggior parte dei casi, in queste bevande si trovano dolcificanti come l’aspartame, sostanza che può causare una serie di patologie tra le quali il cancro.

4. Dado alimentare- Utilizzato e abusato in cucina perché dona ai piatti un sapore più deciso, il dado contiene glutammato, sostanza molto dannosa per il nostro organismo. Meglio preparare il dado alimentare in casa, con ingredienti di cui conosciamo la provenienza.

5. Alcol- Oltre a incrementare il rischio di cirrosi epatiche e di malattie cardiovascolari, l’eccessivo consumo di alcol influisce anche sulla comparsa di malattie oncologiche. L’etanolo infatti aumenta il rischio di tumori della bocca, della faringe, della laringe e dell’esofago.

 6. Sale- Il sale è dannoso per il nostro organismo in quanto influisce negativamente sul sistema cardiovascolare, innalzando il pericolo di ipertensione e di infarto. Ma può anche favorire l’insorgere di tumori allo stomaco e al pancreas.

7. Zucchero- Sia quello bianco raffinato sia lo zucchero di canna sono dannosi per la salute se vengono assunti in grande quantità. Le cellule tumorali infatti sfruttano il glucosio in modo molto efficiente per crescere più rapidamente.

8. Patatine fritte- Questo alimento a causa della sua cottura fritta contiene sostanze dannose per la nostra salute, può infatti causare un tumore a carico dell’apparato gastrointestinale. Questo perché contiene acrilammide, un composto chimico che si forma negli alimenti, solitamente nei prodotti amidacei, durante la cottura (frittura, cottura al forno e alla griglia) ad alta temperatura.

9. Prodotti a base di farina 00- La farina bianca è un ingrediente comune in moltissimi alimenti prodotti a livello industriale. Pare però che il consumo eccessivo di carboidrati raffinati sia collegato ad un incremento del 220% di tumori al seno. L’abuso di alimenti con un elevato carico glicemico, che causano un incremento del livello di zuccheri nel sangue, è inoltre fortemente collegato al tasso di crescita e diffusione delle cellule tumorali. Preferite quindi prodotti a base di farina integrale.

10. Carne in scatola- Nelle carni inscatolate è possibile trovare una sostanza chiamata nitrito di sodio, che viene utilizzato per garantire la lunga conservazione degli alimenti. Questo elemento potrebbe appunto favorire la comparsa di leucemia, cancro al colon e al pancreas.

COMMENTI

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar

    Ciao! Ho letto con piacere… un saluto da verdelilla