Hollywood: le donne tenute lontane dalla macchina da presa ora dirigono i migliori film

Hollywood: le donne tenute lontane dalla macchina da presa ora dirigono i migliori film

Dopo anni di discriminazioni è arrivato il momento per le donne dietro la macchina da presa di farsi valere nel mondo di Hollywood

Scandalo Weinstein, la confessione di Glenn Close: “Lo sapevo da tempo, ma ho sempre taciuto”
Ed Westwick, l’attore di Gossip Girl accusato di stupro
Caso Weinstein, Kathleen Kennedy: “Creare un’organizzazione che protegga le attrici molestate da uomini meschini al potere”

Per troppi anni le donne sono state scandalosamente sottovalutate nel mondo di Hollywood, tenendo in considerazione che solo il 4% delle grandi produzioni cinematografiche hanno avuto dietro la macchina da presa una presenza femminile. È quindi importante notare che il motivo principale delle aggressioni sessuali all’interno dell’industria del cinema è proprio quello di considerare la donna come un essere inferiore. Nonostante ciò, dopo anni di battaglie per la valenza dei propri diritti, le donne sono state capaci di produrre gran parte dei migliori film negli ultimi anni.

Hollywood: nel mondo dello spettacolo le donne vengono costantemente discriminate

Se si va a guardare il numero delle donne coinvolte nelle produzioni cinematografiche solo nel 2016, si può notare quanto vengano sottovalutate rappresentando solo il 4% delle registe, l’11% delle sceneggiatrici e solo il 19% delle produttrici. Grazie alla piattaforma di streaming online Netflix e altre produzioni indipendenti, molte forti personalità femminili stanno emergendo, aggiudicandosi finalmente ruoli di rilievo. Nel mondo di Hollywood vige la discriminazione nei confronti del sesso femminile e purtroppo solo dopo lo scandalo Weinstein, che ha visto Harvey Weinstein artefice di numerose aggressioni sessuali, gli spettatori di tutto il mondo hanno iniziato ad aprire gli occhi su quanto questo tipo di ambiente possa essere crudele nei confronti delle donne.

Regista di Hollywood Patty Jenkins

Greta Gerwig e Patty Jenkins, due tra le più grandi registe di Hollywood

Uno dei più grandi film acclamati in questo anno è stato proprio Lady Bird che, oltre ad esser un successone, è stato il film debutto alla regia di Greta Gerwig. La pellicola è stata anche acclamata dalla critica, con più di sessantadue recensioni positive. Un altro capolavoro con un totale female lead è stato Wonder Woman, diretto da Patty Jenkins e con protagonista la talentuosa Gal Gadot, si può definire uno dei primi film che ha rivoluzionato la percezione delle supereroine sul grande schermo. Si può dire che ciò che concede molto successo alle trasposizioni dirette dalle donne è che le registe offrono una determinata prospettiva che solitamente è difficile vedere nelle sale cinematografiche.

Hollywood: l’industria è ricca di problemi nei confronti della donna

La considerazione delle donne nel settore cinematografico è come un flusso che scorre solamente verso il basso. Sono infatti passati ben otto anni da quando la regista Kathryn Bigelow ha vinto l’Oscar per la pellicola The Hurt Locker, l’unica donna a vincere il premio in questa categoria e nessuna donna è stata nominata da quel momento. Se non vengono riportati costantemente all’attenzione i mille problemi che assillano Hollywood non si riuscirà mai ad arrivare a una soluzione concreta e ci sarà sempre lo stesso problema. Quindi per quanto ancora la donna deve essere discriminata e sottovalutata? Adesso che le cose possono cambiare è il momento giusto per poter far sentire la propria voce e urlare forte il proprio volere dritto in faccia a tutte quelle persone che discriminano e sottovalutano il potere femminile.

COMMENTI

WORDPRESS: 0