Cyntoia Brown, il caso che sta facendo discutere gli Stati Uniti

Cyntoia Brown, il caso che sta facendo discutere gli Stati Uniti

La sua storia sta facendo discutere gli Stati Uniti: è Cyntoia Brown, condannata all’ergastolo per aver ucciso l’uomo che la stuprava e costringeva a prostituirsi.

Violenza No Expo: i milanesi non ci stanno
Ibisco, un fiore per l’Africa: Green Cross Italia e L’Erbolario sostengono le donne del Senegal
Milano: muro di bambole contro il femminicidio

La storia di Cyntoia Brown

La giovane donna ha vissuto una vita difficile sin dall’infanzia. Dopo aver subito delle violenze anche dentro le mura di casa, nello stato del Tennessee, Cyntoia decise di scappare e, sin da ragazzina, finì nel giro dei trafficanti del sesso, costretta a prostituirsi da un individuo che aveva conosciuto dopo la sua fuga. Era il 2006 quando Cyntoia Brown, oggi 29enne, fu condannata all’ergastolo per l’omicidio di Johhny Mitchell Allen (per legittima difesa secondo gli avvocati), un uomo che, dopo averla incontrata in un parcheggio, l’aveva portata a casa.

Il caso in tribunale

I legali della Brown hanno affrontato e ripercorso la sua storia in tribunale, ma il giudice non ha voluto sentire ragioni e, con l’aggravante della prostituzione ha chiesto per lei l’ergastolo. Secondo la sentenza, Cyntoia Brown potrà chiedere la libertà sulla parola dopo aver scontato 51 anni in carcere. Secondo quando affermato dall’accusa, la donna non uccise il suo stupratore per liberarsi ma per derubarlo e, considerato il capo d’imputazione, gli avvocati ottennero che Cyntoia venisse giudicata in quanto adulta e non come minorenne (nonostante all’epoca avesse solo 16 anni).

I personaggi famosi difendono la donna

Il caso sta facendo discutere gli Stati Uniti d’America e,ultimamente, è diventato virale sui social network. In rete è stata lanciata una petizione per chiedere giustizia per la giovane donna. Anche i personaggi dello spettacolo hanno fatto sentire la propria voce: Cara Delevigne, Kim Kardashian, Rihanna, Snoop Dog e LeBron James si sono schierati a favore di Cyntoia Brown, diffondendo messaggi e appelli online affinché il suo caso venga rivalutato in funzione della ripetuta e iterata violenza, subita fin da quando era solo una bambina. La storia della donna è stata raccontata anche in un documentario del 2011, girato dal regista Daniel Birman, in cui Cyntoia stessa racconta la sua terribile esperienza.

COMMENTI

WORDPRESS: 0